Skip to main content

Via dei Novale, 1
30033 Noale (VE)

Lunendì - Venerdì
09:00 / 13:00
15:30 / 19:30
Sabato
09:00 / 13:00

Via dei Novale, 1 30033 Noale (VE)
Lunedì - Venerdì
09:00 / 13:00
15:30 / 19:30
Sabato
09:00 / 13:00

Viaggio in Sicilia a suon di trekking tra isole e vulcani

Per due appassionati di escursionismo salire sull’Etna, il vulcano più alto d’Europa, è un must da fare almeno una volta nella vita. Luca e Irene, che partecipano alle attività sezionali del CAI, erano già stati “vittime” di decine e decine di racconti mitologici sulla salita a questo vulcano, ma quello che non si aspettavano è che ci fosse così tanto altro da vedere.

Quando abbiamo capito cosa cercavano dal viaggio, abbiamo ideato per loro un itinerario siciliano un po’ insolito, fatto sì di mare e città, ma anche e soprattutto di escursioni, vulcani e natura.

Itinerario di trekking in Sicilia

Sicilia = Etna, giusto? E allora li abbiamo accontentati. Il giorno seguente al loro arrivo a Catania, abbiamo organizzato per loro un trekking sull’Etna con una guida naturalistica esperta di geologia. L’escursione sull’Etna ai crateri sommitali è sicuramente la più affascinante che si possa fare in questa zona, ma anche la più impegnativa.

Luca e Irene non erano certo spaventati dal camminare, ma le ginocchia in discesa era meglio non testarle a fondo, così – dopo aver preso la funivia fino ai 2900 mslm, hanno iniziato a camminare insieme alla guida, ammirando lo scenario che li circondava.

L’irruenza della natura ha plasmato sull’Etna un paesaggio dal volto aspro, segnato da solchi cavernosi e elementi naturali capaci di riportare alla mente arcane potenze che pochi altri posti al mondo riescono a trasmettere.

La storia vulcanica, le emergenze naturalistiche, le fratture eruttive e le peculiari caratteristiche vulcanologie e botaniche dell’Etna sono state condite dal mutare del panorama che cambiava metro dopo metro.

Fino al raggiungimento dei crateri sommitali a 3357 mslm. “Trovarsi di fronte nel cuore dell’attività esplosiva, tra fumi, rocce laviche dal colore pece e sentire i rumori della terra è stata un’esperienza unica. Grazie per questo regalo!”. Questo è stato il messaggio che ci hanno inviato e credo valga più di mille parole che potremmo dire noi.

Ma il viaggio era solo all’inizio! Così per il giorno seguente avevamo pianificato un’altra escursione, molto più semplice tecnicamente, ma altrettanto scenografica: il trekking sull’Etna al tramonto con aperitivo! Vuoi mettere camminare tra la vegetazione unica del vulcano con lo sguardo vista mare, mentre viene stappato un vino tipico dell’Etna?

Pochi lo sanno, ma su questo vulcano si producono alcuni dei vini più rinomati d’Italia, frutto di una viticoltura eroica che regala strepitosi rossi molto espressivi come l’Etna DOC, figlio di questa terra estrema che porta nel calice la natura intransigente e regala note di piccoli frutti selvatici e di roccia affumicata.

Ma siamo in Sicilia e durante l’aperitivo non è mancato il cibo! Altro che “aperitivo light” come avevamo indicato: salami, formaggi, focacce, ma anche ricottine speziate al forno… il tutto condito dalla spettacolare vista del sole che si tuffa nel mare. A proposito di cibo, non poteva mancare una giornata a disposizione per visitare Catania tra il mercato del pesce, l’elegante Basilica Cattedrale di Sant’Agata, il Castello Ursino e la via della carne di cavallo che la sera si anima di griglie all’aperto e ristoranti di tutti i tipi.

E visto che la Sicilia non è solo Etna, perché non proseguire con una morbida escursione nelle Valli Fluviali che circondano il parco? Qui si trovano infatti alcuni importanti siti naturalistici e faunistici come il Ponte Barca, le Salinelle e le Forre Laviche. Molto apprezzato è stato anche il percorso lungo il Parco fluviale del fiume Alcantara, un luogo meno noto dove il Sentiero delle Gurne ha regalato scenari inediti e suggestivi.

Isole Eolie e Isole Egadi

Dopo tanto trekking l’itinerario di viaggio prevedeva l’imbarco sull’aliscafo fino alle Isole Eolie dove Luca e Irene avrebbero potuto rilassarsi oppure fare altre escursioni. Se lo chiedi a noi, siamo stanche solo al pensiero di tutto il dislivello accumulato, ma per loro il trekking a Salina e a Vulcano Ponente sono stati due must del viaggio!

C’è stato però anche il tempo per il relax con la minicrociera alle Isole Egadi. Favignana è la principale delle isole e il centro abitato è una delizia, mentre Levanzo è rinomata per il suo piccolo villaggio di pescatori e per le vibes rilassate del porticciolo. La crociera si è però fermata anche in alcune delle più belle calette dove fare il bagno in un’atmosfera intima tra acqua cristallina e scenari mozzafiato sulla lussureggiante natura delle isole vulcaniche. Voglia di escursioni ripagata? Direi alla grande! E siamo certe che le emozioni provate li accompagneranno ancora lungo tantissimi sentieri. Non a caso stiamo organizzando per loro il prossimo viaggio di trekking… in Norvegia!


13 Giugno 2023